Aromaterapia.

Tempo di lettura stimato: 3 min

Chi di voi presta attenzione agli odori? Praticamente tutti, chi più chi meno... del resto l’olfatto è una cassa di risonanza di emozioni, sensazioni piacevoli o spiacevoli, stimoli, memoria. La stretta correlazione tra il bulbo olfattivo e il sistema limbico (area del cervello responsabile dell'origine e della gestione delle emozioni) è la ragione per la quale spesso odori “buoni” o “cattivi” possono involontariamente scatenare forti emozioni.  Uno studio del 2009, addirittura, ha identificato una forma di memoria già nel bulbo olfattivo, la regione cerebrale che elabora gli odori.
Di odori è pieno il mondo! Per questo fin dall’antichità, in tutte le culture umane, le piante aromatiche hanno rivestito una grande importanza. Riferimenti all'utilizzo di resine, piante aromatiche, spezie e incensi si ritrovano addirittura nei testi sumerici.
Nonostante già nel Medioevo si ottenessero olii essenziali attraverso il processo di distillazione delle piante, si deve attendere il ‘900 perché ad essi siano associate delle proprietà medicinali, grazie al lavoro sulla lavanda da parte del chimico francese René Maurice Gattefossé.

Gli olii essenziali di lavanda, bergamotto, rosmarino, melaleuca (tea tree oil), niaouli, limone, camomilla, geranio e tanti altri… sono diventati protagonisti indiscussi della cosiddetta AROMATERAPIA, un ramo della fitoterapia che prevede l’utilizzo di distillati da piante per la cura delle malattie o per il mantenimento del benessere psicofisico. Ad oggi, tra le terapie naturali, l'Aromaterapia è una delle più conosciute e sempre più apprezzata da ricercatori e medici, anche perché seguendo le indicazioni è possibile anche a casa ottenere ottimi benefici.

La scelta degli olii essenziali (e del dosaggio) non deve mai essere casuale ed è molto importante affidarsi ad una persona che abbia fatto un percorso di conoscenza adeguato, soprattutto nel caso di utilizzo sul corpo o per via orale. 
Detto questo, ecco alcune dritte per ottenere anche in casa un maggiore benessere psico-fisico.

- la lavanda favorisce il rilassamento, riequilibra il sistema nervoso, aiuta nell'insonnia e allieva lo stress. Ha proprietà antinfiammatorie e analgesiche.
- l’aroma intenso e sensuale di ylang ylang placa i nervosismi eccessivi; da usare la sera, prima di coricarsi, basta versare 8 gocce del suo olio essenziale nell’acqua della vasca e restarvi immersi per 15 minuti circa.
- mandarino, rosa, neroli e lavanda, da utilizzare per massaggi o bagni rilassanti,  favoriscono il sonno e il relax.
- bastoncini profuma-ambienti home-made: miscela 100 ml di alcol con 30 gocce di arancio dolce, 15 di gelsomino, 30 di ylang ylang e 15 di lavanda per avere un effetto non solo profumante, ma anche una maggiore armonia e una riduzione di stress e nervosismo. Una volta preparato il tutto, versa in un barattolino di vetro e aggiungi un po’ di bastoncini da spiedini, in modo da diffondere il profumo nell’ambiente.
Gli oli essenziali possiedono proprietà curative “fisiche” riconosciute e oramai confermate scientificamente (per esempio antimicrobica, antidolorifica, balsamica) e “psichiche”: grazie alla loro azione olistica, ristabiliscono equilibrio e danno benessere.