Giornata Mondiale dell’Acqua

Tempo di lettura stimato: 5 min

L’obiettivo numero 6 del programma di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni unite è questo: acqua per tutti entro il 2030.
Questo significa che tutti, nel mondo, avranno accesso all’acqua potabile. Oggi questo obiettivo è ancora lontano, con centinaia di case, scuole, ospedali, posti di lavoro che a fatica riescono a sopravvivere, senza risorse.

Di questo si parla il 22 Marzo, quando l’attenzione del mondo è rivolta al World Water Day, la Giornata mondiale dell’acqua, istituita dalle Nazioni Unite nel 1992. 

Si tratta di avere rispetto per il pianeta, dell’ennesima occasione per fermarsi a riflettere e scegliere di voler far qualcosa di più, di voler limitare il nostro impatto sulla Terra con uno stile di vita sostenibile.
Significa anche preoccuparsi del prossimo, per gli oltre due miliardi di persone che non hanno possibilità di riscatto, perché costretti a una vera e propria lotta per la sopravvivenza senza l’accesso all’acqua potabile.

A questo punto l’attenzione dei governi di tutto il mondo è particolarmente rivolta a non lasciare nessuno indietro. “leaving no one behind”, letteralmente, sarà il tema per la Giornata Mondiale dell’Acqua 2019. Anche se, secondo il report sulle acque delle Nazioni Unite del 2018, è il 40% della popolazione mondiale ad essere colpita dalla carenza idrica.

Ci sarà un lieto fine? Dipende anche da noi, dalla nostra consapevolezza e soprattutto dalle nostre azioni.
La mancanza d’acqua è spesso il risultato della siccità, problema enormemente aggravato dal surriscaldamento globale, oltre che dal clima disomogeneo nelle diverse zone del pianeta.
La brochure della Convenzione delle Nazioni Unite sulla lotta alla desertificazione (UNCCD) parla chiaramente di un “effetto a catena” positivo, che passa attraverso gesti solidi e concreti. I servizi idrici dovranno soddisfare i bisogni dei gruppi emarginati, che saranno ascoltati nei processi decisionali. I quadri normativi devono riconoscere il diritto all’acqua per tutte le persone, supportati da un finanziamento sufficiente a garantire l’acqua in modo ed equo ed efficace a chi ne ha bisogno. 

È un grande traguardo che passa attraverso piccoli gesti, come quello di risparmiare acqua ogni giorno. Bevendo l’acqua del rubinetto che è potabile, chiudendo il rubinetto quando ci si insapona, pianificando lavaggi intelligenti con gli elettrodomestici, cercando di ridurre il surriscaldamento globale, causa concatenata strettamente alla manca d’acqua. 

A livello istituzionale, ogni anno in occasione del 22 Marzo gli Stati membri dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite sono invitati a parlare di acqua, con attività di promozione e di sensibilizzazione su questo tema. Un coinvolgimento che vede, oltre agli Stati membri, anche molte Organizzazioni Non Governative a vivere questa giornata come un momento di sensibilizzazione dei cittadini sulla critica questione dell'acqua nella nostra era, in particolare rispetto all'accesso all'acqua dolce e alla sostenibilità degli habitat acquatici.

È questione di scelte. Nessuno singolarmente potrà cambiare il mondo, ma il problema non può essere ignorato dietro alla frase “non sarò certo io a fare la differenza”. Perché sarai proprio tu, a farla. 

Scegliendo di acquistare prodotti certificati e proveniente da aziende con a cuore la salute dell’ambiente. I prodotti Regina, del gruppo Sofidel, sono realizzati in linea con gli obiettivi di sostenibilità previsti dall’Agenda Onu 2030. Per questo, Sofidel collabora con una partnership con WaterAid, impegnandosi in una generale sensibilizzazione e sostenendo i progetti finalizzati a garantire l’accesso all’acqua e la disponibilità di servizi e livelli igienici migliori nei paesi in via di sviluppo, dove opera l’organizzazione. 

Ad esempio, partecipando attivamente alla Giornata mondiale dell’Acqua scegliendo di condividere e promuoverla sui social network, un modo per raggiungere velocemente e toccare le coscienze di milioni di utenti. Condividete la action card ufficiale sul sito www.worldwaterday.org, dove è anche possibile trovare le iniziative organizzate più vicine a voi. L’hashtag ufficiale sarà #WorldWaterDay. 

Acqua per i più giovani, acqua per tutti i lavoratori, acqua per chi vive in zone rurali, acqua per tutte le donne, acqua per tutti gli anziani, acqua per tutti i disabili, acqua per tutte le madri, acqua per tutti i LGBTQ, acqua per tutti i cittadini, acqua per tutti i neonati, acqua per tutte le popolazioni indigene… acqua. per tutti.