Giugno

A giugno la scuola finisce e mentre gli studenti fanno la danza della felicità, sicuramente molti genitori si dipereranno per il dover gestire le ore di lavoro con le ore “libere” dei figli. 

E allora, perché non organizzare il tempo con una piccola agenda di cose da fare insieme? Un classico della fine della scuola è quello di lavare lo zainetto! Coinvolgiamo quindi i figli/studenti nelle fasi del pulito. Ed ecco il nostro calendario del mese dedicato alla pulizia di “fine anno scolastico”. Innanzitutto svuotate insieme lo zaino, per scoprire come riemergono tesori sepolti quali matite spezzate, pezzi di gomma, caramelle sciolte e briciole a sufficienza per preparare una torta. Il nostro consiglio Regina Blitz è quello di utilizzare un foglio di carta casa carta Regina Blitz imbevuto di aceto per “ammorbidire” le macchie localizzate, basta tamponare leggermente. 

Per proseguire nelle “pulizie di fine anno scolastico” è sicuramente una buona cosa quella di dedicarsi finalmente alla stanza dei figli/studenti togliendo la polvere da libri che andranno cambiati per il nuovo anno. Okay, abbiamo già visto come in tutto il mondo ci siano giornate dedicate alla pulizia, come il “Clean your Room Day” in USA, e anche che coinvolgere i più piccoli nelle pulizie domestiche non solo è possibile, ma anche divertente: perché si sta in famiglia, perché ci si da il ritmo con la giusta musica e perché si conclude la giornata stanchi ma soddisfatti. Per questo motivo, perché non approfittare del tempo libero per insegnare ai più piccoli a riordinare e pulire i giocattoli? Dopo averli usati in giardino o sul terrazzo, averli infilati in qualsiasi angolo della casa, forse è il momento di pulirli, e il modo migliore di farlo è continuare a giocare! 
Così i peluche da lavare dovranno partire per una missione spaziale direttamente dalla navicella-lavatrice, e chi può accomodarli ai posti di partenza se non il loro capitano? 
I piccoli giocattoli di plastica possono facilmente essere trasportati a farsi un bagno nelle bianche cascate-lavandino, anche se in questo caso potrebbe essere necessaria la supervisione di un adulto, o i giocattoli saranno puliti, ma chi pulisce, dopo, il resto del bagno? Con la pazienza e la volontà, e il giusto aiuto, vedrete che le cose si faranno in un lampo! 

Un’alternativa simile a quella della lavatrice è quella di usare la lavastoviglie, un’altra possibile navicella spaziale, o perché non una macchina del tempo! Questa opzione è solo per i giocattoli di plastica dura, come gli animali di plastica. Naturalmente in entrambi i casi toccherà agli adulti avviare “il viaggio nello spazio”, ma un aiuto concreto nel trasporto dei giocattoli sarà sufficiente ad darvi una mano. Oppure tutto in una grande bacinella e via a fare il bagnetto! 

Un foglio di carta Regina Blitz si trasformerà in un magico accappatoio per asciugare le bambole o un matello magico per trasformare tutti i giochi da bagnati ad asciutti e puliti! 

Le soluzioni sono diverse e creative, così come inventare nuovi giochi per rendere inaspettatamente speciali anche momenti come quello della pulizia. 
I vantaggi del coinvolgimento del piccolo nella pulizia aiuta a sviluppare qualità positive nei più piccoli (come indicato  da diversi studi).
 
La cultura giapponese, ad esempio, della necessità di riordinare e circondarsi di ordine ha ricavato uno stile di vita ricco di effetti positivi: migliora l'empatia, insegna il rispetto per gli altri, migliora la capacità organizzativa e logica (es. aumenta la capacità di fare ipotesi spaziali) e rende appagati. 
“Il magico potere del riordino”, libro scritto dalla giapponese Marie Kondo, è diventato un best-seller, (e un vademecum del riordino), venduto in tutto il mondo in miglioni di copie. 
Pulizia e ordine non sono mai stati così liberatori, anche se in compagnia dei più piccoli pulire diventa questione sì, di cleaning organizer, ma soprattutto di fantasia!