Materiali inaspettati per il bagno

Tempo di lettura stimato: 3 min

Arredare il bagno spesso è un’impresa titanica e a volte limitante. Ogni componente deve avere un’ottima resistenza all’acqua e al vapore, ma anche facilità di pulizia e igienizzazione. Tutto deve essere a prova di schizzo. La scelta dei materiali è difficile, soprattutto perché alcune convinizioni (erronee) ci indirizzano a scegliere tra piastrelle in ceramica, marmo e mattonelle. 

Ma chi ha detto che il parquet non è adatto per il bagno? Sfatiamo alcuni falsi miti. Molti materiali a prima vista possono sembrano non idonei per essere utilizzati in bagno, ma analizzando bene le loro caratteristiche si è scoperto il contrario. 

Quante volte, durante l’inverno, siete entrati in bagno senza ciabatte, toccato il pavimento gelido e pensato “quanto vorrei il caldo parquet”? Nell’immaginario comune, il legno non è un materiale da bagno perché a contatto con l’umidità tende a gonfiarsi. Ed ecco sfatato questo pre-concetto.

In realtà il parquet può essere utilizzato tranquillamente, sottoponendolo prima a un trattamento di verniciatura che lo rende impermeabile. La soluzione perfetta è il parquet prefinito, con le fughe ben sigillate per evitare infiltrazioni. 

Per creare un continuum estetico con il pavimento, potete scegliere di realizzare i vostri mobili in OSB, un pannello derivato dal legno che si riconosce per le fibre visibili in superficie. Un materiale versatile che si presta bene alla realizzazione di arredo per il bagno e rivestimenti di porte grazie alla sua incredibile resistenza all’umidità. Le linee semplici e pulite donano all’ambiente un’aria giovane e fresca. 

E perché non la carta da parati? Date un tocco di creatività al vostro bagno con le infinite fantasie colorate che si possono realizzare con questo materiale. Esistono diverse tipologie di carta da parati che si adattano perfettamente alle condizioni del bagno: resistenti all’acqua, lavabili e idroreppelenti. Le carte da parati si suddividono in tessuto non tessuto (TNT), che si ottine dalla miscela di resine e fibre sintetiche, viniliche, con un rivestimento superficiale in vinile e in fibra di vetro, così resistenti che si possono utilizzare anche come pavimentazione. 

E per finire, un tocco di classe da vero intenditore: rubinetterie e profili doccia colorati. I metalli possono essere trattati con spefiche vernici per un effetto cromato, lucido e opaco. 

Date sfogo a un nuovo look per il bagno, che alla pulizia, ci pensa Regina Blitz