Riciclare i vecchi costumi

Tempo di lettura stimato: 4 min

È arrivata l’estate, e con lei la caccia al capo perfetto da sfoggiare in piscina o al mare. Il sacco dei costumi viene riesumato dal reparto dei vestiti estivi e rovesciato sul pavimento. E qui arriva il momento la verità: la verità è che non hai niente da metterti. Quel costume che sembrava carino due anni fa ora è terribilmente invecchiato. Il pezzo sotto di quell’altro comprato in vacanza è troppo largo e smollato. O troppo piccolo e stretto. Quest’altro non sembra nemmeno un costume!

Se ti riconosci in queste righe, niente panico. Con un po’ di creatività e fantasia è possibile trovare un utilizzo anche per questi costumi caduti in disgrazia. Si può trovare il modo di abbellirli e riutilizzarli oppure snaturarli completamente facendoli diventare qualcos’altro. Così, alla soddisfazione di fare un po’ di shopping (beh, qualche costume nuovo serve davvero!) si aggiunge quella che deriva dal riciclo creativo. Un fai da-casa in linea con la filosofia del less is more: un’attenzione all’ambiente e una coccola per te.
Passiamo ai fatti: armatevi di forbici, e fuori una o più idee!

- Se hai un costume intero che non usi più, o un bikini che ora sembra pericolosamente troppo coprente per la tua abbronzatura, afferra le forbici. Una sforbiciata a semicerchio sul fianco, se intero, o al lato del reggiseno a fascia daranno un nuovo design al tuo vecchio capo. Non si risolve il problema di un’abbronzatura omogenea, ma perché non sfoggiarlo durante un bell’aperitivo sulla spiaggia? 

In alternativa, appoggia la parte sotto del costume (la mutanda) sul letto, capovolta. Prendi il cordino di un altro costume e fallo passare dentro la parte inferiore della mutanda, e poi annoda le estremità dopo averle fatte scorrere dentro le bande laterali. Hai appena creato un crop top! Semplicemente girando la mutanda del costume, che va a coprire il petto, e annodando sapientemente un laccio sulla schiena.

- Ci sono costumi che invece non hai più intenzione di mettere, nemmeno sotto mentite spoglie. Come quei costumi da nuoto super stetti e che non valorizzano particolarmente il décolleté. Fallo a pezzi, e trasformalo in una tovaglietta per la colazione

Taglia le cuciture e stendi la lycra sul piano di lavoro. Ritaglia striscioline di circa 2 centimetri di larghezza, arrotolale come fossero delle corde e annodale tra loro. Aiutandoti con dei tutorial sul web, scoprirai che puoi trasformarle in: sottopentola, fasce per capelli, copri vaso, poggia testa da spiaggia, sacca per il mare, sacchettini colorati per la casa. Parti, ad esempio, dal pezzo sopra di un bikini triangolare che non usi: cuci gli orli dei triangoli facendoli combaciare, e trasforma il laccetto del costume in un’asola. Voilà, pronto da riempire con pot-pourri e da appendere nell’armadio! 

- Trasforma i vecchi costumi in gioielli. Qui c’è davvero l’imbarazzo della scelta. La lycra è un tessuto lucido e resistente: ritaglia striscioline sottili di tessuto e infilale nelle perline che preferite: otterrai bracciali luccicanti, o collane divertenti da indossare anche in spiaggia. Un’idea vincente è quella di ritagliare costumi di colori diversi a strisce e intrecciarle a formare tante trecce. Per ultimare il lavoro, acquista la chiusura che preferisci e il tuo gioiello è pronto!