Sappiamo come pulirlo ma come si fa?

Tempo di lettura stimato: 4 min

Specchio specchio delle mie brame… sei tu il più bello del reame? Beh, la storia era un po’ diversa, ma siccome questa è una sezione dedicata ai veri amanti del fai-da-te, ben vengano le variazioni sul tema!
E ovviamente la risposta è sì, perché è uno specchio fai da casa! Hai mai pensato di crearne uno con le tue mani?

Seguiamo il principio guida di Regina, less is more, dove le parole chiave sono trasformare e riciclare.
C’era una volta… la fantasia, e i consigli di Regina Pulizia per uno specchio fai da te, da creare insieme ai piccoli di casa!

-Specchio con la carta argentata: ritaglia un pezzo di carta argentata della misura che preferisci, i fogli di alluminio andranno benissimo!
Incollalo sulla cornice che hai pensato per il tuo specchio, può essere di compensato, che potrai ritagliare nella forma che ti serve, o di cartone, o semplicemente una cornice in legno. Incolla la carta di alluminio usando la colla a caldo. Fissa un vetro sopra la carta argentata, per far sì che non si danneggi, e ora passa alla parte migliore: decora la cornice! Ben vengano glitter, brillantini, perline, o qualsiasi altra decorazione disponibile.

-Specchiare un vetro: questa è un’operazione che richiede decisamente più manualità e praticità. Se non sei certo di avere gli strumenti adatti, rivolgiti a un vetraio o a un restauratore, saprà cosa fare e magari sarà disposto ad insegnarti!
L’argentatura dello specchio è il processo mediante il quale la superficie riacquista la sua capacità riflettente. Un’operazione che va bene non solo per uno specchio rovinato ma anche per un vetro qualsiasi.
Ti serviranno:
-Acetone: per rimuovere l’argentatura eventuale e la vernice protettiva;
-Acqua distillata: per pulire e come ingrediente nella soluzione per  riargentare la specchiera.
-Alcol: per pulire e sgrassare la superficie
-Pelle scamosciata: per asciugare e detergere la superficie dopo averla pulita
-Tartrato di sodio, acido nitrato e ammoniaca: insieme all’acqua distillata comporranno la soluzione di cui sopra.

Copri il piano di lavoro con una coperta, e appoggia il vetro da specchiare. Con il panno intriso di acetone e poi di acido nitrico (ricorda di indossare dei guanti!) elimina la pellicola protettiva e la vecchia argentatura, poi pulisci il tutto con acqua distillata e alcol.

Ora prepara la miscela per l’argentatura: aiutandoti con un dosatore, mescola 100 cl di acqua distillata calda, 0,25 g di nitrato d’argento, 10 gr di tartrato di potassio. La seconda soluzione, invece, è formata da 1 litro di acqua distillata, 5 grammi di nitrato d’argento e ammoniaca: aggiungine fin quando non vedi che si solidifica depositandosi sul fondo. Lascia riposare finché non si scioglie, dopodiché incorpora le due soluzioni tra loro.

Con lo stucco per vetrai (lo trovi in un qualsiasi negozio specializzato), realizza un bordo intorno allo specchio per trattenere la soluzione, versa una piccola parte da distribuire in modo uniforme con la pelle scamosciata. Poi versa l’intero preparato e lascia riposare per almeno un’ora. Elimina il liquido rimanente, pulisci con acqua distillata ed ecco fatto!
Per proteggere la pellicola d’argento che hai ottenuto con tanta fatica proteggi il tutto con uno strato di gommalacca. Ora guardati allo specchio… sei soddisfatto?!