Lo yoga ti fa bene!

Ommmm…. Chi non conosce il mantra per non perdere il controllo? Entrato nell’immaginario collettivo come ultima sponda prima di un attacco isterico, vi sarà capitato di raccontare ad amici e parenti di quella giornata in cui è andato tutto storto. Treno in ritardo, imbottigliamento letale nel traffico, storta sui gradini della metro, il portafoglio sparito al momento di pagare il caffè (o qualsiasi altra cosa), l’abbonamento ai mezzi dimenticato a casa, o le chiavi, il caricatore, la calma e l’autocontrollo come quella volta in cui avete sbraitato in mezzo a un trilione di persone perché qualcosa, dentro di voi, ha fatto crack!

Vi siete ritrovati in queste situazioni? Per forza, è quello che capita a tutti, più o meno regolarmente, nella routine frenetica della quotidianità. Niente di nuovo sotto il sole, insomma, nemmeno voi che raccontate “e io ero lì che facevo ooooooommmm”.
Abbandonate l’immagine di un santone a gambe incrociate, con le braccia abbandonate sulle ginocchia e pollice e indice a formare il simbolo universale del “non perdere la calma, questa volta”. Prendiamoci più tempo per approfondire una disciplina che negli ultimi anni è stata apprezzata da un crescente numero di persone, soprattutto nei paesi occidentali: lo yoga. I benefici che questa millenaria disciplina è in grado di apportare alla nostra mente e al nostro corpo sono davvero tutti da scoprire, per poi non voler più tornare indietro.
Pronti? 3….2…1….ommmmm….

Iniziamo con qualche nozione tecnica: yoga è un sostantivo maschile con cui in sanscrito, nella terminologia delle religioni originarie dell’India, si indicano pratiche ascetiche e meditative. Nello specifico, lo yoga è nella religione hindu uno strumento di realizzazione e salvezza spirituale, e variamente interpretato secondo le varie scuole.
Per questo lo yoga per molto tempo è stato associato nell’immaginario collettivo a un “rimedio per lo stress”, il che senza dubbio è vero, ma si tratta di una visione piuttosto riduttiva!
Oggi è risaputo infatti che lo yoga migliora la flessibilità, rafforza i muscoli, riduce i dolori al collo e alla schiena, accresce la capacità polmonare, regola la pressione sanguigna e allevia lo stress.
Ogni posizione, inoltre, lavora su braccia, gambe e addome, migliorando l’elasticità del corpo.

Tuttavia, la pratica consapevole dello yoga riguarda anche la mente e lo spirito.
Ci vuole pazienza e consapevolezza, e il percorso intrapreso riguarda proprio questo: la consapevolezza di sé. Secondo la filosofia yogica, nel corpo esistono 7 punti chiavi, i chakra, cu cui intervenire per sbloccare le energie. Molti squilibri fisici ed emotivi trarrebbero giovamento lasciando defluire l’energia accumulata in questi punti, praticando semplici posizioni yoga con un po’ di costanza.

Un insieme di caratteristiche che rendono questa antica disciplina davvero adatta a tutti, ad ogni età e in ogni luogo: è sempre un buon momento per dedicarsi ad una lezione di yoga! Anche quando vi sembra statico, sappiate che non lo è, perché tutto il corpo lavora! Per questo bisogna evitare di affrontare le posizioni più difficili tralasciando quelle base, gli asana fondamentali. Sono proprio gli asana semplici che permettono di restare concentrati sulla curva naturale della spina dorsale, sull’apertura delle spalle, sulla posizione della testa, ed è l’inizio da cui partire per migliorare anche la nostra postura nella vita di tutti i giorni.
Vediamo quali sono!
Tadasana, la posizione della montagna; Uttasana, il  piegamento in avanti; Bhujangasana, la posizione del cobra; Trikonasana, il triangolo disteso; Sukhasana, la posizione della meditazione.

Siete curiosi? E fate bene! Per capire come fare al meglio queste posizione è necessario rivolgersi un maestro, anche online sono disponibili diversi video in cui si affrontano passo dopo passo queste posizioni semplici ma complesse, per poterle eseguire correttamente fin dall’inizio.
Vi lasciamo con qualche consiglio utile da non dare per scontato:
Fate sempre riscaldamento! Lo stretching è fondamentale per preparare il corpo ad eseguire movimenti che, per quanto semplici, sono del tutto nuovi!
Svuotate la mente. Il momento per lo yoga, è per lo yoga. La vostra mente deve restare concentrata sulla respirazione e sul lavoro  fisico. Forse è questa la sfida più difficile, ma solo all’inizio. Poi non vedrete l’ora di staccare la spina!
Prestate attenzione alla respirazione. È grazie al controllo della respirazione che potrete rilassarvi in determinate posizioni e non disperdete la vostra energia.
E ora… Namastè! Buon yoga a tutti quanti