Agosto in città

Sono tante le mete gettonate nell’estate 2018, pronte ad accontentare i gusti e le esigenze dei turisti: chi vuole lanciarsi alla scoperte delle più belle capitali europee, come Roma e Parigi, classici intramontabili; chi cerca acque cristalline in cui immergersi tra le splendide località affacciate sul Mediterraneo, come Grecia, Spagna, Turchia ma anche Egitto, Tunisia e Marocco; chi predilige mete tra il mar del nord e il mar Baltico con l’ampia scelta tra Regno Unito, Danimarca, Germania, Paesi Bassi o Polonia; chi vuole conoscere culture lontane dal sapore esotico in Cina, (destinazione per cui l’interesse globale è cresciuto del 190% negli ultimi anni), in Giappone o negli Stati Uniti, dove sono popolari le destinazioni che offrono una vasta scelta di attività all’aperto, così come le periferie riqualificate con l’apertura di ristoranti, negozi e locali. 
Ma c’è una buona fetta di persone che, per svariate ragioni, decide di trascorrere le ferie a luglio o a settembre e rimanere a casa per il mese di agosto. 

Per chi vive nelle grandi città è quasi una scoperta vedere come il proprio spazio vitale ad agosto si amplifichi. Strade vuote, piscine sempre piene ma decisamente semi-deserte rispetto al solito. Idem parchi e giardini pubblici quasi a completa disposizione e un programma di serate musicali, proposte cinematografiche e culturali molto interessanti.
Certo, dipende anche dal luogho in cui si vive. Sicuramente per chi si trova già in località europee, gettonate dal punto di vista turstico, sarà forse più facile sentirsi “turisti” nella propria città... ma i nostri consigli valgono per tutti! 
 Ecco una giornata tipo per chi resta a casa ad agosto, al motto di: “godiamocela con calma". Perché è proprio durante le ferie che ci si rende conto di avere finalmente più tempo per per la casa, ad esempio, ma anche per sè stessi, ritrovando il tempo per una propria passione, come la lettura ad esempio, o per il proprio passatempo preferito trascurato durante l’anno, come fare escursioni in bicicletta o ascoltare musica. 
Forse è difficile inventarsi una nuova “pigra” routine, abituati a quella adottata nella quotidianità incalzante del resto dell’anno.  Dimenticarla, però, non è impossibile, ecco qualche consiglio:


1. Niente sveglia: alzarsi solo quando il corpo è pronto per lasciare il materasso. Scrolliamoci di dosso i ritmi e le pressioni che ci hanno accompagnato nel corso dell’anno.


2. Colazione dei campioni: prepariamo con calma una gustosa colazione. Avendo tempo, potremmo scegliere di lanciarci in esperimenti etnici, scegliendo di volta in volta una destinazione diversa e scoprendo che le colazioni del mondo possono farci scoprire un poco lo spirito del paese stesso.


3. Edicola: Immancabile appuntamento da vacanza, passare in edicola e scegliere cosa leggere nelle successive ore è un vero e proprio regalo che ci possiamo fare ogni giorno a poca spesa. Includetela tra le tappe di una bella passeggiata, ogni giorno diversa, per scoprire zone mai viste, o semplicemente mai viste con calma. 

 

4. Turisti in città: andare in piscina/al parco/al museo e scoprirsi turisti della propria città. Oppure, trascorrere del tempo con le persone che amiamo! Basta un pallone o le carte da gioco per vivere un pomeriggio di risate e serenità. 

 

5. Investire: sono stati risparmiati i soldi del viaggio, dell’hotel, dei ristoranti al mare o in montagna. Ora si può provare a definire un budget (anche modesto) per togliere qualche sfizio: fare un po’ di shopping (i saldi sono cominciati a luglio, ma qualcosa sarà certamente rimasto), organizzare un fine settimana fuori casa o ristrutturare alcune parti di casa, magari creando quadri con materiali di recupero, oppure dipingere le pareti con colori particolari;

 

6. Utilizzare il tempo per organizzare spazi in casa che da tempo andavano sistemati, riorganizzati o semplicemente puliti. Ovviamente suggeriamo di farlo nelle ore più fresche della giornata. 

 

6. Tête-à-tête, con te: che sia ad un cinema all’aperto, in un ristorante che da sempre ci fa venire l’acquolina in bocca, che si noleggi un film da vedere in casa o semplicemente che si guardi la città trasformarsi con le luci della sera, per scoprire che può essere davvero Un mondo da scoprire.