Paris Jazz Festival June 2018

Tempo di lettura stimato: 3 min

È proprio vero: lì fuori c’è un mondo da scoprire, e le occasione di unire divertimento e cultura non mancano! Dal 30 giugno al 22 luglio, Parigi arricchisce la sua già vastissima offerta culturale con il Paris Jazz Festival, presso l’affascinante Parc Floral de Vincennes conosciuto in tutto il mondo per le incredibili fioriture. Il parco, che venne realizzato nel 1969 per ospitare la terza Esposizione internazionale dei fiori, si estende su una superficie di oltre 28 ettari. Un ambiente che di per sé varrebbe già la visita grazie alle 4 aree verdi distinte, che accolgono piante esotiche e tradizionali, nonché una serie di magnifici giardini acquatici e di aree giochi per bambini.
Giunto all’Edizione numero 25, il Paris Jazz Festival propone per ben sette fine settimana una programmazione molto ricca ed eclettica, adatta a tutti i tipi di pubblico.
L’accento posto quest’anno sulla francofonia (ovvero la capacità di parlare la lingua francese) ha dimostrato che il jazz porta con sé elementi come la generosità e la creatività, celebrando la canzone popolare francese con elementi di universalità.
Insieme a questo tema centrale, ciascun fine settimana ruoterà attorno ad un’area geografica o a un colore musicale (come è stato anche in precedenti edizioni), con incursioni nel territorio africano. 

Il programma prevede i seguenti temi:
Weekend #1 -  Suoni da Israele, l’energia dei jazzclub e dei festival israeliani mescolata con influenze culturali europee e del Medio Oriente
Weekend #2 – Note Blues, fusione tra le influenze moderne e le note blues che affondano le radici nel passato: si esibiranno il sassofonista Èric Sèva e il cantante Hugh Coltman
Weekend #3 – Grandi Formati, i bigbands competono nella creatività di oggi, confrontando immaginazione e repertorio storico del jazz.
Weekend #4 – Fuochi d’artificio per tutti i visitatori del Parc Floral
Molti gli appuntamenti pensati per i più piccoli, detti “Atelier”, tra cui una serie di giochi che ruotano intorno alla musica e alla memoria e coinvolgono tutti i ragazzini presenti nel parco per un tuffo nelle note e nella natura. E poi “La fabbrica dei suoni” realizzata dall’Associazione “Triangulacion Kultural”, che si occupa per tutto l’anno di fare attività educative e artistiche finalizzate al risveglio musicale, porta a scoprire i suoni con laboratori ritmici e di manualità.
Questo Festival è oggi un evento di grande risonanza a livello europeo, tra i più importanti nel suo genere e anno dopo anno è in grado di richiamare i più grandi artisti della scena artistica. Eppure storicamente tutto cominciò con due appassionati di jazz, supportati da Floral Park, che intendeva coniugare la natura con la musica in un’accezione del tutto innovativa.
Il Parco per l’occasione resterà aperto dalle 9.30 alle 20, i bambini non pagano e la maggior parte dei concerti è gratuita. 
Impossibile resistere.
Nell’immagine, il Parc Floral de Vincennes.