Viaggiare è una scoperta

Tempo di lettura stimato: 3 min

Prendersi più tempo per restare in ascolto, questo l’avete scritto nei buoni propositi per l’anno nuovo? Come, di cosa? Del mondo da scoprire. E anzi, anche di voi stessi. Perché questa volta partiamo per un viaggio dal quale torneremo leggermente diversi, forse più consapevoli, e capaci di ascoltare i nostri pensieri e i battiti del cuore: ecco le mete per un viaggio spirituale tutto da scoprire. 

Iniziamo con uno degli itinerari più conosciuti: il Cammino di Santiago di Compostela, uno dei luoghi sacri più importanti in Europa e nel resto del mondo. Il capoluogo della Galizia è la tappa finale, patrimonio UNESCO dal 1985. Un "Buen Camino" ricco di storia, fede e speranza. 

Non si viaggia in solitaria soltanto a piedi (e perché mai dovrebbe essere così in effetti) ma anche in treno. Ecco perché la Transiberiana è forse il percorso su rotaie più famoso del mondo: 9288 km, parte da Mosca per attraversare l’Europa orientale e l’Asia, passando attraverso il panorama mozzafiato della Siberia. 

Se vi sentite pronti per intraprendere un vero viaggio, zaino in spalla, sudore della fronte e incontri con culture e persone diverse allora la meta che fa per te è il Monte Sri Pada, in Sri Lanka. Conosciuto anche come “Picco di Adamo”, è uno dei luoghi più sacri al mondo, meta di pellegrinaggio da parte di cristiani, musulmani e buddhisti. Sapete cosa lo rende così unico? Un’impronta di piede, lunga 1,8 metri, contenuta nel monastero sulla vetta della montagna. L’impronta apparterrebbe ad Adamo, a Shiva e a Buddha, a seconda del vostro credo: una vetta di riflessione interiore, e la concreta fatica fisica nell’affrontare i 4500 gradini per raggiungere la cima. Vale assolutamente lo sforzo!

Avete mai pensato di visitare Gerusalemme? Ospita la Cupola della Roccia e i resti del Tempio di Salomone, edifici che testimoniano come la storia dell’umanità si sia sviluppata insieme a quella religiosa.

Per chi sente il fascino e il richiamo dell’Estremo Oriente, meta imperdibile è Narita, in Giappone. I templi giapponesi sono tra i più belli al mondo, armoniosi come la filosofia alla base della cultura nipponica.  Imperdibili a Narita, nella Prefettura di Chiba, è il tempio di Naritasan Shinsho-ji, circondato da giardini meravigliosi.

Immancabile, in questa classifica, la città eterna: Roma. Non è l’unica città ad aver ricevuto questo appellativo, ma è l’unica a portarlo con fierezza da oltre 2000 anni. Capitale ininterrotta, un concentrato di arte, storia e cultura dove ogni angolo è una meraviglia. E poi il buon cibo, e il caos e il rumore di macchine e motorini che fanno da cornice all’opera da contemplare che è questa città. Ben più di un museo a cielo aperto, un luogo piuttosto dove ritrovare sé stessi e sentirsi piccoli piccoli, ma anche grandiosi in virtù dell’energia che pervade tutto, anche voi.