Viaggio da Oscar

Febbraio è un mese di freddo intenso e conseguenti bagni caldi, più qualche senso di colpa per aver sforato qualche traguardo imposto dalla risolutezza che si accompagna alla fine dell’anno passato. A cui segue, però, la consapevolezza di poter sempre fare di meglio, se solo ci si concedesse di prendersi più tempo per fare qualunque cosa, che sia per noi stessi, per il prossimo o per l’ambiente.

In fondo, la vita non è un film! A proposito di film, febbraio è anche un mese da Oscar!

Già, perché il 24 febbraio (il 25 in Italia) andrà in onda la 91esima cerimonia dei premi Oscar ad Hollywood, nel Dolby Theatre. Un appuntamento da non perdere per gli appassionati di cinema e che, in attesa del giorno fatidico, ci fa volare con la fantasia verso gli Stati Uniti, 9834000 km2 di megalopoli, tranquilli sobborghi e soprattutto paesaggi mozzafiato da accarezzare con lo sguardo e di scorci indimenticabili da scoprire.

Per fortuna che qui in questa sezione abbiamo davvero più tempo per indugiare in fantasticherie e anzi, di illustrarle in dettaglio, così diventano realtà!

Vediamo allora quali sono gli itinerari di viaggio più apprezzati alla scoperta degli incredibili USA.

Route 66: il viaggio verso il West è simbolo indiscusso del sogno americano on the road e la Route 66 fu una delle primissime autostrade costruite. Un’eredità storica che collega Chicago con Santa Monica in California, a nord di Los Angeles, attraversando ben 8 stati, praterie, deserti per una lunghezza di 3755 chilometri. Un simbolo di una filosofia di vita di cui troviamo traccia negli indimenticabili libri di Kerouac e ancora più indietro, nei racconti di un passato fatto di avventura alla scoperta del selvaggio West.

Coast to coast: da New York a San Francisco, un itinerario per conoscere l’immenso paese. C’è più di un itinerario possibile, ma quello che è considerato l’autentico coast to coast è il viaggio lungo la Lincoln Highway, la prima autostrada a connettere la costa orientale con quella occidentale. Percorrendola, si incrocia in Illinois la Route 66. 

Coast to coast (rotta nord): non ha il fascino e la storia della Lincoln Highway, ma vi permetterà di godervi lo spettacolo di molte delle bellezze naturali più suggestive degli Stati Uniti, come le cascate del Niagara, i Finger Lakes, il parco Yellowstone e lo Yosemite National Park. Potete anche fare una tappa a Salt Lake City, centro religioso dei mormoni, o a Cody, vicino a Yellowstone, che deve il suo nome al leggendario Buffalo Bill.

Coast to Coast (tour della musica): dalla Grande Mela si viaggia verso sud-ovest fino a Nashville, Memphis e New Orleans, per poi ripiegare verso nord ovest. Un itinerario all’insegna delle note jazz, blues e del country.

Coast to coast (lungo la costa): per chi sente il richiamo del fascino suggestivo delle onde dell’oceano, ecco un itinerari che si snoda lungo la costa, portandovi ad San Diego fino a Seattle e passando per Los Angeles, Santa Monica e Malibù (resa famosa dalla serie tv "Baywatch"), e poi ancora Santa Barbara, il Big Sur con i paesaggi costieri da rifarsi gli occhi, lungo la Highway 1, San Francisco, Sacramento e Portland.

Ultimo ma non ultimo, un itinerario alternativo lungo la West Coast che si snoda lungo percorsi più insoliti. Si parte dalla spiaggia delle “pietre che camminano” nella Death Valley, che sospinte dal vento si lasciano alle spalle una scia tracciata sul fango essiccato, come se camminassero. Proseguite verso nord e fate tappa al Mono Lake, al confine con il Nevada, dove le incredibili formazioni di tufo riveleranno ai vostri occhi un paesaggio quasi fantascientifico. Attraversate il Nevada, nella contea di Washoe, per ammirare il colorato Fly Geyser, un pozzo creato dall’uomo che è stato poi trasformato dalla natura in un autentico geyser.