Pulizia 2.0 : smartphone, tablet e pc

Tempo di lettura stimato: 2 min

Smartphone, tablet e pc sono ormai nostri fedeli compagni di avventure, ma quanto ci prendiamo cura di loro e della nostra salute? Forse a volte non ci pensiamo, ma i dispositivi elettronici sono un ricettacolo di germi, una vera e propria bomba “battereologica”. Alcuni studi hanno dimostrato che il cellulare è più sporco del wc.. difficile da credere, ma è la realtà! Niente allarmismi ovviamente, perché la maggiorparte dei batteri non sono nocivi e in poche mosse quotidiane si possono eliminare. 

Secondo un recente studio dell’Università della California di San Diego, in genere tocchiamo lo schermo dello smartphone circa 150 volte al giorno, trasferendo su di esso tutti i germi con cui entriamo in contatto. Ecco alcuni consigli per prevenire la proliferazione dei batteri in pochi minuti. 

Per semplificare il lavoro, tenetevi in ufficio un po’ di carta casa e, quando vi prendete una pausa, passatelo sullo schermo del telefono, del tablet e del pc (che abbiamo vetro protetitivo o no). Come secondo consiglio, inumidite leggermente la carta casa con acqua calda e il gioco è fatto: passatelo sullo schermo con movimenti circolari e ricordatevi di pulire anche la fotocamera addio foto sfuocate. 

Fate lo stesso anche con la vostra tastiera: spolveratela con un panno morbido un po’ umido e poi utilizzate una bomboletta di aria compressa per eliminare le briciole fastidiose che si incastrano tra un tasto e l’altro. In questo modo non dovrete rinunciare a mangiare davanti alla scrivania 

*Attenzione: in caso di pulizia su computer, passare la carta casa a computer spento. 

E non dimentichiamoci dei nostri amati auricolari entrando in contatto costantemente con le orecchie, devono essere trattati con un occhio di riguardo. Cerume e sudore sono i nemici numero uno e ogni giorno si depositano sulle cuffie numerosi batteri, soprattutto  se si usano all’aperto o in palestra. Prendete quindi l’angolo di un fogli carta casa, arriciatelo, e con uno stuzzicandenti passate all’interno dei bordi dell’auricolare per rimuovere tutto con delicatezza.