Un passo avanti nel cammino chiamato igiene!

Oggi la nostra storia di pulito ci mette letteralmente le ali ai piedi. Perché? Perché vedremo come prenderci cura al meglio dei nostri piedi! Troppo spesso strizzati in calze soffocanti, avvolti in scarpe troppo strette, e a volte causa di fastidio e disagio, per colpa di sudorazione eccessiva e cattivi odori.
Siete d’accordo che mettere le scarpe sul davanzale della finestra o lasciarle fuori dalla porta sarà anche una soluzione semplice per toglierci dall’imbarazzo, ma non risolve il problema?
Prendersi cura dei piedi significa capire quando e perché è presente un problema, come prevenirlo anche durante la routine frenetica di tutti i giorni, e come prenderci cura della salute dei piedi al meglio.

Partiamo da un problema molto comune: i piedi sudati. Qualcuno ne è afflitto solo durante il caldo torrido, altri ne soffrono tutto l’anno, L’iperidrosi si verifica quando le ghiandole sudoripare reagiscono in modo eccessivo agli stimoli, producendo più sudore del necessario.
La causa spesso è una scelta infelice: indossare calzini troppo pesanti, o sintetici, che impediscono al piede di respirare. Lo stesso vale per le scarpe, è importante che lascino traspirare il piede!
In altri casi, il sudore è accompagnato alla sensazione di avere sempre i piedi freddi, indice di un possibile problema di circolazione.
Se il problema sussiste solo da qualche tempo a questa parte, potrebbe trattarsi di uno squilibrio ormonale, motivo per cui è sempre importante avvisare il proprio medico di base di ogni sintomo o cambiamento nei ritmi biologici dell’organismo, senza imbarazzo o timore.

A volte, i piedi sudati possono avere cause psicologiche, come stress, ansia, nervosismo. A parte l’imbarazzo del lasciare impronte di piedi sul parquet anche attraverso le calze, e a parte quell’odore fastidioso di piedi… il sudore provoca la proliferazione di batteri!
La colpa è vostra (e delle scarpe e delle calze) fino a un certo punto: su ogni centimetro quadrato di piede è naturalmente già presente un quantitativo di… 10 milioni di batteri!
Si nutrono di pelle morta, grasso, sudore, sporco accumulato in ogni punto dei nostri piedi e delle nostre scarpe. Sono i brevibacterium, che producono metantiolo, i responsabili del cattivo odore. Pensate che sono gli stessi batteri che vengono utilizzati per la maturazione di un formaggio olandese, il limburger. Coincidenze? “io non credo….”

Fortunatamente, ci sono molti rimedi naturali per evitare che i batteri proliferino, e per mantenere i piedi puliti e profumati.

Primo tra tutti, il pediluvio! A patto che sia fatto regolarmente, tutte le sere o mattina e sera.
Riempite una bacinella o il bidet di acqua tiepida, e aggiungete sostanze naturali (i cosiddetti rimedi della nonna), come mezza tazza di sale grosso o di aceto, una tazza di infuso di salvia, due cucchiai di bicarbonato di sodio, o circa dieci gocce dell’olio essenziale che preferite. Si tratta di prodotti che hanno un effetto deodorante, detergente, e nel caso della salvia e del bicarbonato anche una blanda azione antibatterica e antifungina.

Dopo circa dieci minuti di ammollo, sciacquate accuratamente i piedi e asciugateli con cura, questo è fondamentale! L’umidità causa la proliferazione di batteri.
Occupatevi anche dell’igiene delle scarpe: le solette della scarpe vanno lavate una volta ogni 2 mesi, anche di più se le usate di frequente o se camminate molto spesso. Ma come si fa? Non si mettono in lavatrice, perché l’acqua potrebbe rovinarle. Potete usare due metodi.
Chiudetele in un sacchetto ermetico insieme a 100 gr di polvere di bicarbonato, e lasciate agire tutta la notte. Sbattete le suole, lasciatele all’aria aperta per qualche minuto, et voilà!. In alternativa, lavatele a mano con acqua calda e sapone neutro, come quello di Marsiglia. Non immergetele, ma spazzolate semplicemente le solette.

Infine, versate un pizzico di polvere di amido di mais dentro le scarpe, per assorbire il sudore in eccesso. Potete anche utilizzare polvere di talco, un pizzico di bicarbonato o affidarvi a speciali solette assorbenti. Utile anche l’allume di potassio, una sorta di deodorante naturale che può anche essere utilizzato per le ascelle.
Ogni sera sbattete le solette e lasciate arieggiare, per eliminare i residui di polvere.
Per prevenire il problema, cambiate i calzini ogni giorno, e scegliete calze di cotone. Infine, non indossare le stesse scarpe per più giorni consecutivi.
Ultimo ma non ultimo, camminate scalzi! Se ne avete l’occasione, anche quando trascorrete del tempo sul divano, fate prendere l’aria ai vostri piedi: un passo avanti nel cammino chiamato igiene!